Progetti passati

AMBITO LEGALE, SOCIALE E DI MEDIAZIONE:

2011 – 2012. Emergenza umanitaria O.P.C.M. 3933/2011- Erogazione di servizi essenziali

Servizio di informazione ed orientamento legale offerto ai cittadini migranti beneficiari di permessi di soggiorno per motivi umanitari e ai cittadini migranti richiedenti asilo; individuazione, sostegno ed accompagnamento delle persone appartenenti a categorie vulnerabili ai servizi socio-assistenziali del territorio. Convenzione con la struttura d’accoglienza “Casa per Ferie – Fondazione Benedetto XIII”, con sede in Gravina in Puglia (BA), ospitante circa 150 migranti.Servizio di orientamento alla procedura di richiesta di Protezione Internazionale e di mediazione culturale offerto ai cittadini migranti beneficiari di permessi di soggiorno per motivi umanitari di cui all’art. 20 del D.Lgs. n. 286/98 e ai cittadini migranti richiedenti asilo. Convenzione con la struttura di accoglienza Villa S. Giuseppe della “Congregazione Ancelle della Divina Provvidenza”,con sede in Bisceglie, ospitante 80 migranti.

2006 – 2010. Progetto territoriale SPRAR per categoria “ordinari” – “Bari Città Aperta

Servizio di orientamento legale e sociale rivolto a richiedenti asilo, titolari di protezione internazionale e di protezione umanitaria nell’ambito del progetto di seconda accoglienza attivato dal Comune di Bari all’interno del Sistema di Protezione per Richiedenti Asilo e Rifugiati del Ministero dell’Interno; il progetto è gestito dal GLR in rete con le Associazioni Etnie onlus e Arci Bari. All’interno dello stesso progetto, a partire dal 2009 è gestito dal GLR un servizio giornaliero di orientamento legale e sociale presso il Centro di Accoglienza per Richiedenti Asilo (C.A.R.A.) di Bari, rivolto agli ospiti del campo.

2008 – 2009. Progetto “Nessuno escluso

Capofila del progetto, sostenuto dall’Assessorato alla Solidarietà della Regione Puglia, che ha offerto alcuni strumenti utili agli interventi sociali in favore dei minori stranieri non accompagnati, per cercare di prevenirne l’esclusione sociale ed agevolarne l’inserimento all’interno di un percorso di tutela e protezione. L’associazione ha fornito il servizio di supporto legale, orientamento sociale ed accompagnamento ai servizi del territorio attraverso attività di front office bisettimanale, inoltre ha organizzato un percorso di informazione/formazione di cinque incontri, rivolto agli operatori delle comunità di accoglienza e agli operatori dei servizi pubblici e del privato sociale, su contenuti di carattere giuridico e sociale, con riferimento ai bisogni e alle problematiche specifiche dei minori stranieri non accompagnati. Al termine del progetto sono stati pubblicati un vademecum ed un dossier.

2001 – 2004.Sportello di orientamento e informazione nella Casa Circondariale di Bari

Attività rivolta ai detenuti stranieri attraverso un servizio a cadenza settimanale con l’intervento di operatori volontari.

1999 – 2003. Azioni in favore dei residenti in un campo Rom sito ad Altamura (Ba)

Monitoraggio, informazione giuridico-amministrativa e orientamento sociale, inserimento scolastico dei minori, accompagnamento ai servizi sanitari, il tutto in collaborazione con l’Opera Nomadi.

2001.Sportello di informazione e consulenza legale e sociale rivolto ai migranti

Finanziato dalla Regione Puglia e sponsorizzato dal Comune di Bari, è stato attivato e gestito in collaborazione con il Servizio Rifugiati e Migranti della Federazione Italiana delle Chiese Evangeliche (FCEI).

2000. Collaborazioni: progetto europeo “Nausica” realizzato dal Consorzio Italiano di Solidarietà; progetto europeo “Azione Comune 2000” realizzato dal Consorzio Italiano di Solidarietà per la realizzazione del centro di seconda accoglienza “La Casetta Bari”.Collaborazione all’attuazione del progetto “Integrazione dei Rifugiati” realizzato dal Consorzio Italiano di Solidarietà.

 

AMBITO SANITARIO:

2011 – 2012. “SALUT-ARE Formare, confrontare, cambiare per migliorare i servizi di tutela socio-sanitari rivolti ai richiedenti e titolari di protezione internazionale”

Finanziato con il Programma annuale 2010 del Fondo Europeo per i Rifugiati – Azione 1.2.b, il progetto mira ad accrescere le capacità di riconoscimento e presa in carico dei richiedenti/titolari di Protezione Internazionale con specifiche vulnerabilità, da parte del personale dei servizi socio-sanitari e dell’accoglienza, attraverso la formazione e la costituzione di equipe territoriali multiprofessionali.

Il progetto ha come soggetto capofila la Provincia di Parma, ed oltre al GLR ha come partner svariati soggetti avente carattere nazionale (es. Ciac Onlus di Parma, Regione Emilia Romagna, Save the Children Italia,ASGI,Centro Astalli, SIMM,Associazione ADL, ICS Ufficio Rifugiati,ecc.).

Il GLR è stato responsabile dell’organizzazione di due percorsi formativi e della costituzione di una équipe territoriale multidisciplinare socio-sanitaria integrata, formata ad es. da psichiatri, psicologi, neuropsichiatri infantili, medici, infermieri, assistenti sociali, educatori, che diventi un riferimento, nei territori di Bari e Foggia, per la presa in carico dei richiedenti e/o titolari di protezione internazionale vulnerabili.

2011 – 2012. Unità Medico-Assistenziale Itinerante per la diagnostica precoce delle patologie croniche nella popolazione indigente

Finanziato dall’Istituto Nazionale per la Salute, i Migranti e la Povertà (INMP) e avente come Ente proponente la Clinica Malattie Infettive dell’Università degli Studi di Bari, mirava ad erogare assistenza medica, a facilitare i percorsi assistenziali per le persone indigenti ed a creare un network tra strutture sanitarie, associazioni di volontariato, istituti religiosi o laici interessati al problema della povertà. Il GLR si è occupato nello specifico: di svolgere attività di monitoraggio delle situazioni di esclusione sociale e povertà di migranti, regolari ed irregolari, rifugiati e richiedenti asilo; di distribuzione e diffusione di materiale informativo predisposto per lo studio; di orientamento e di accompagnamento dei rifugiati, richiedenti asilo e migranti che intendano accedere a servizi sociali e/o servizi sanitari di pronto intervento; attività di ascolto individuale ed orientamento all’interno dell’unità mobile predisposta, nonché di ascolto individuale presso la sede dell’associazione.

2009 – 2010 Servizio Territoriale di Prevenzione e Lotta alla diffusione dell’HIV e delle MTS all’interno della popolazione nomade e immigrata

Approvato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e finanziato con il Fondo dell’Osservatorio Nazionale per il Volontariato ai sensi della L. 266/91, il progetto ha avuto come soggetto capofila C.A.M.A. (Centro Assistenza Malati Aids) L.I.L.A. e come partner il G.L.R.. Fra le azioni attivate la creazione di uno sportello presso l’Ambulatorio Patologie Infettive dell’Immigrato della Clinica di Malattie Infettive dell’Università di Bari (Policlinico di Bari), dove informare la cittadinanza “straniera”, in merito alla prevenzione ed alla cura delle infezioni da HIV e delle MTS. Il G.L.R. si è occupato delle relazioni con le principali comunità organizzate di migranti presenti sul territorio e della mediazione culturale.

Anni 2003 – 2005

Collaborazione al Progetto obiettivo Salute ed immigrati dell’A.S.L. Ba/4 – Direzione Area Coordinamento Servizi sociali, finalizzato alla tutela della salute degli immigrati nella A.S.L. BA/4.

AMBITO FORMAZIONE:

Anno 2006

  • Docenza all’interno del corso “Formazione per immigrati e rifugiati. Corso per Mediatore culturale” inserito nel POR Puglia 2000÷2006 – Misura 3.$ – Azione a), organizzato dall’agenzia formativa Prometeo, svolta da alcuni componenti dell’associazione sulle questioni normative e giuridiche legate all’immigrazione;
  • Docenza all’interno del Progetto Percorsi di nuova inclusione socio lavorativa di donne immigrate” – Formazione “Peer work counselor Equal II Fase Misura 4.2. inserito nel POR Puglia 2000÷2006 – Misura 3.$ – Azione a), svolta da alcuni componenti dell’associazione;
  • Docenza svolta da un componente dell’associazione nel modulo L’italiano per comunicare inserito nel progetto/corso baseCase Alloggioper UNISCO Network per lo sviluppo locale – Italia Lavoro Spa, nell’ambito della misura II.3 (FSE) “Risorse umane per la diffusione della Legalità” Programma Operativo Sicurezza per lo Sviluppo del Mezzogiorno d’Italia 2000-2006.

Anni 2003 – 2006

Attività di formazione ed informazione rivolta ad associazioni ed al personale di varie istituzioni scolastiche del territorio sulle tematiche relative al mondo dell’immigrazione e del diritto d’asilo.

Anno 2005

  • Partecipazione al seminario Salute e migrazioni. Programmazione sanitaria e politiche locali organizzato dalla Società Italiana di medicina delle migrazioni.

  • Partecipazione al convegno “Mediazione culturale e buone prassi in Puglia. L’analisi dei risultati del progetto Welcome e la costruzione di nuove politiche sociali”.

Anno 2003

  • Partecipazione al 1° e 2° corso di formazione per operatori sanitari e sociali sulle vittime di tortura organizzato dal Progetto “Costruzione di reti territoriali in supporto e riabilitazione delle vittime di tortura” di Psichiatria alla frontiera, Società Italiana di Psichiatria – Puglia e Basilicata, in collaborazione con I.C.S..
  • Partecipazione al corso di formazione per i mediatori del progetto Welcome Affidamento di attività di servizi di mediazione culturale nelle pubbliche amministrazioni”.

Anno 2002

  • Docenza sul tema della Mediazione Culturale nell’ambito del corso di formazione del Ministero della Giustizia rivolto al personale di Polizia Penitenziaria della Casa di Reclusione di Turi;
  • Docenza nel corso decentrato Seminario di aggiornamento professionale in tema d’immigrazione” rivolto al personale dell’Amministrazione civile dell’Interno, organizzato dall’ U.T.G. di Bari.

Anno 2001

Docenza sul tema “La Mediazione Culturale” in un corso di formazione rivolto al personale dell’Amministrazione Penitenziaria organizzato dal Ministero della Giustizia presso le sedi di Bari, Foggia e Taranto.

Anno 2000

  • Partecipazione al seminario La salute mentale dei rifugiati organizzato dall’Organizzazione Mondiale di Sanità e da Psichiatria alla frontiera.

  • Partecipazione al seminario di formazione “Il sostegno psicologico a migranti ed a rifugiati”, in collaborazione con il progetto Nausicae finanziato dalla Commissione Europea e realizzato da ICS, ACNUR – Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati, Fondazione Cencis di Torino).

  • Partecipazione al seminario di formazione “I rom in Puglia” di Caritas/Migrantes Foggia, Opera Nomadi Foggia e Lecce.

  • Organizzazione e partecipazione a seminari di aggiornamento sulle tematiche dell’accoglienza e le problematiche psicologiche concernenti l’esilio forzato.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...